Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito ai nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto in base al tuo utilizzo dei loro servizi. Visualizza dettagli

panoramica_1 copia.jpgDSC00064 (Copia).jpgPanoramica (FILEminimizer).jpgheader2.jpgSito Header.jpg

La sala degli ARGENTI

argentiargentiargenti

 

La chiesa di San Fermo Minore conserva un patrimonio di suppellettili sacre connesse alle esigenze liturgiche della Congregazione oratoriana. Si tratta per lo più di argenti databili ai secoli XVIII e XIX, anche se alcuni esemplari risalgono a data anteriore, provenendo da donazioni o da vicine chiese soppresse, acquisiti e a volte trasformati durante la storia del complesso filippino.
Un primo nucleo di sacri argenti è costituito dai calici complessivamente sei.
Due di essi sono riferibili ad ambito veneto e alla seconda metà del XVIII secolo; un terzo calice, con i Simboli della Passione, costituisce un prezioso esemplare riferibile a manifattura tedesca (Augsburg) e al secolo XVIII. Un calice del secolo XVII, fu  restaurato e donato dal rettore Perlato nel 1879. Altri due esemplari sono infine riferibili alla seconda metà dell'Ottocento, come testimoniano la decorazione rispettivamente  neoegizia e neorinascimentale.
Un prezioso ostensorio, di notevoli dimensioni e di produzione probabilmente veneziana, dall'elaborata ornamentazione rococò, è databile al periodo 1730-1750.
Il corredo liturgico della chiesa annovera anche tre pissidi; due di esse appartengono al secolo XVIII e recano rispettivamente i punzoni della città di Verona e della Serenissima e della città di Verona e dell'orafo Giovanni Battista Bellavite, morto nel 1768. Una terza pisside reca sotto il piede un'iscrizione che la data al 1532, segnalandone il restauro nel 1694.
Il culto delle reliquie dei Santi, fortemente promosso dalla Congregazione oratoriana è documentata dalla presenza di reliquiari di cui due, ad ostensorio, databili al secolo XVIII. Un terzo esemplare, sempre a ostensorio, va invece riferito alla seconda metà del secolo XIX. Due reliquiari “a fiala” sono databili al secolo XVII e al XVII/XIX secolo.
Meritano interesse un turibolo e una navicella ottocenteschi, una stauroteca, una croce processionale della prima metà del Settecento, dono dei giovani della contrada di San Fermo Minore.
La serie degli arredi liturgici è completata da quattro candelieri del primo Ottocento, da un aspersorio della seconda metà del secolo, da un indice segnalibro sempre ottocentesco e da uno sfarzoso piatto da parata della prima metà del Settecento, forse frutto di una donazione.

 

ARREDI LITURGICI PRESENTI NELLE CHIESA DI SAN FERMO MINORE.

TERMINOLOGIA

Calice: è il vaso sacro usato per la celebrazione dell'Eucaristia, in cui si pone il vino che diventa il sangue di Cristo. E'composto da piede, fusto per lo più con uno o più nodi e coppa .

Ostensorio: è il vaso sacro usato nell'esposizione del Santissimo Sacramento, nella processione e per impartire la benedizione eucaristica.

Pisside: è il vaso sacro utilizzato per la conservazione delle ostie consacrate. In analogia al calice è composto da piede, fusto e coppa, completati da un coperchio sormontato da una croce o da una statuetta di Gesù Cristo.

Reliquiario a ostensorio : contenitore a forma di ostensorio, con reliquia a vista.

Reliquiario a  fiala: contenitore per reliquie costituito da una fiala o ampolla in vetro, cristallo o cristallo di rocca, con chiusura metallica.

Turibolo o incensiere: vaso in metallo per bruciare l'incenso e diffonderne il profumo durante le cerimonie sacre. E' costituito da una coppa e un coperchio forato ed è azionato da un sistema di quattro catenelle.

Navicella : contenitore per l'incenso a forma di piccola nave. E' formato da un piede, un fusto e da una coppa stretta e allungata, a forma di mezzaluna, dotata di coperchio. Generalmente lo completa il cucchiaio per incenso.

Stauroteca o Croce reliquiario:  reliquiario a forma di croce, destinato a conservare i frammenti della Croce di Cristo.

Croce processionale o croce astile: croce issata su un asta per essere portata in processione, decorata su ambo i lati, generalmente con la figura di Cristo sulla fronte, della Madonna o di un santo sul retro.

Candelieri : appartengono al servizio d'altare, destinati a sorreggere i ceri. Ordinariamente il servizio d'altare è composto per la Messa,  a partire dal Concilio di Trento, da una croce d'altare e da sei candelieri

Aspersorio: strumento d'argento o metallico terminate con una piccola palla traforata, che serve ad aspergere con l'acqua benedetta.

Indice segnalibro: piccolo strumento in genere metallico per indicare le righe del libro liturgico. E' a forma di stilo, con a una estremità un anello per attaccarlo al libro o al leggio, all'altra una punta sottile o una manina con l'indice puntato.

Piatto da parata: piatto che serve alla decorazione dell'altare nelle feste liturgiche, spesso riccamente decorato.

 

CATALOGAZIONE IN SEDE DI MOSTRA

Calice
ambito veneto, 1799 circa
(cfr. saggio Spiazzi fig. 1)

Calice
ambito veneto, seconda metà del XVIII secolo
(cfr. saggio Spiazzi fig. 2)

Calice con i Simboli della Passione
ambito tedesco, primo quarto del XVIII secolo
(cfr. saggio Spiazzi fig. 3)

Calice
ambito veronese , ante 1872
(cfr. saggio Spiazzi fig. 4)

Calice
ambito veneto, XVI/XVII secolo
con iscrizione sotto la base “Felix Perlato Rector 1879”
(cfr. saggio Spiazzi fig. 5)

Calice
ambito veneto, metà del XIX secolo
(cfr. saggio Spiazzi fig. 6)

Ostensorio a raggiera
ambito veneto, metà XVIII secolo
(cfr. saggio Spiazzi fig. 7)

Pisside
ambito veneto, fine XVIII secolo
(cfr. saggio Spiazzi fig. 8)

Pisside
ambito veneto, XVI e XVII secolo
(cfr. saggio Spiazzi fig. 9)

Pisside
ambito veronese, metà XVIII secolo
(cfr. saggio Spiazzi fig. 10)

Reliquario
ambito veronese, metà del XVIII secolo
(cfr. saggio Spiazzi fig. 11)

Reliquario a ostensorio
ambito veneto, seconda metà del XVIII secolo
(cfr. saggio Spiazzi fig. 12)

Reliquario a fiala
ambito veneto,  XVII secolo
(cfr. saggio Spiazzi fig. 13)

Reliquario a fiala
ambito veneto,  seconda metà del XVIII secolo
(cfr. saggio Spiazzi fig. 14)

Reliquario a ostensorio
ambito veneto, seconda metà del XIX secolo
(cfr. saggio Spiazzi fig. 15)

Turibolo
ambito veneto, prima metà del XIX secolo
(cfr. saggio Spiazzi fig. 16)
Navicella
ambito veneto, prima metà del XIX secolo
(cfr. saggio Spiazzi fig. 17)

Croce-reliquario
ambito veneto, seconda metà del XIX secolo
(cfr. saggio Spiazzi fig. 18)

Croce processionale
ambito veneto, prima metà del XVIII secolo
(cfr. saggio Spiazzi fig. 19)

Candelieri
prima metà del XIX secolo
(cfr. saggio Spiazzi fig. 20)

Aspersorio
seconda metà del XIX secolo
(cfr. saggio Spiazzi fig. 21)

Indice segnalibro
ambito veneto, XIX secolo
(cfr. saggio Spiazzi fig. 22)

Piatto da parata
ambito veneto, prima metà del XVIII secolo
(cfr. saggio Spiazzi fig. 23)

Joomla templates by a4joomla