Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito ai nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicitĂ  e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto in base al tuo utilizzo dei loro servizi. Visualizza dettagli

header2.jpgpanoramica_1 copia.jpgSito Header.jpgDSC00064 (Copia).jpgPanoramica (FILEminimizer).jpg

Fr. Giovanni Ballarini C.O.

Valeggio sul Mincio (VR) 10 Dicembre 1930 - Verona 24 Agosto 2015)

all'età di 84 anni, in Congregazione dal 1944

Cenni biografici

Fr. Giovanni Ballarini nasce a Valeggio sul Mincio, provincia e Diocesi di Verona il 10 dicembre 1930. La sua famiglia si trasferisce in città a Verona per il lavoro del padre, dapprima in zona Duomo e a partire dal 1937 nel quartiere dei Filippini. Frequenta le elementari negli anni difficili del fascismo e dello scoppio della seconda guerra mondiale. Frequenta la Chiesa e l’Oratorio dei Padri Filippini finché decide, come si era abituati a scherzare con lui, di “attraversare la strada”. Infatti abitava di fronte alla Chiesa e nel 1944 entra come giovanissimo ospite in Congregazione. Inizia la Prima Probazione nel 1949 per divenire fratello laico e mettersi a disposizione della Chiesa e della Casa nei servizi più umili e più semplici.

Serve la Chiesa, distrutta in parte in un bombardamento e si occupa della liturgia e degli arredi. Svolge servizi in refettorio, in cucina e nel coadiuvare i padri. Farà dei servizi nell’Oratorio maschile e nell’incontro semplice e cordiale con le persone.

Per un periodo svolgerà il compito di Economo e quello di provvedere gli acquisti per la casa. Collaborerà sempre con i confratelli e darà il suo aiuto a padre Ottorino e anche a Padre Dario nella gestione del Soggiorno Alpino. Si presterà anche a sostituire per alcuni mesi i Padri di Bologna, allora anziani e ammalati.

Studierà come uditore alcuni corsi di Teologia e frequenterà corsi di infermiere e di cuoco.

Si sentì sempre e in tutto “filippino”, orgoglioso del carisma che aveva seguito e della vocazione laicale che aveva fatto sua.

Negli ultimi anni la salute lo costringe ad aver quasi del tutto interrotto il suo impegno e i suoi molti servizi. Non ha mai però smesso di confidare tramite la sua fiduciosa preghiera dell’ufficio divino, nella recita di molti rosari quotidiani e nelle molte messe ascoltate ogni giorno per le sue intenzioni e per quelle che gli venivano affidate. Ha lasciato la vita terrena quasi improvvisamente, in silenzio come il suo solito, nelle prime ore del 24 agosto 2015. Noi preghiamo per la Sua anima, ma siamo certi che Lui, dal cielo, prega e intercede per noi.

Joomla templates by a4joomla